16 Marzo 2017 By In Blog style

Credito d’imposta R&S

A cosa serve

Stimolare la spesa privata in Ricerca e Sviluppo per innovare processi e prodotti e garantire la competitività futura delle imprese

 

Quali vantaggi

Credito d’imposta del 50% su spese incrementali in Ricerca e Sviluppo, riconosciuto fino a un massimo annuale di 20 milioni di €/anno per beneficiario e computato su una base fissa data dalla media delle spese in Ricerca e Sviluppo negli anni 2012-2014. Il credito d’imposta può essere utilizzato, anche in caso di perdite, a copertura di un ampio insieme di imposte e contributi.

Sono agevolabili tutte le spese relative a ricerca fondamentale, ricerca industriale e sviluppo sperimentale: costi per personale altamente qualificato e tecnico, contratti di ricerca con università, enti di ricerca, imprese, start up e PMI innovative, quote di ammortamento di strumenti e attrezzature di laboratorio, competenze tecniche e privative industriali

La misura è applicabile per le spese in Ricerca e Sviluppo che saranno sostenute nel periodo 2017-2020.

Il beneficio è cumulabile con:

  • Superammortamento e Iperammortamento
  • Nuova Sabatini
  • Patent Box
  • Incentivi alla patrimonializzazione delle imprese (ACE)
  • Incentivi agli investimenti in Start up e PMI innovative
  • Fondo Centrale di Garanzia

 

A chi si rivolge

  • Tutti i soggetti titolari di reddito d’impresa (imprese, enti non commerciali, consorzi e reti d’impresa), indipendentemente dalla natura giuridica, dalla dimensione aziendale e dal settore economico in cui operano
  • Imprese italiane o imprese residenti all’estero con stabile organizzazione sul territorio italiano che svolgono attività di Ricerca e Sviluppo in proprio o commissionano attività di Ricerca e Sviluppo
  • Imprese italiane o imprese residenti all’estero con stabile organizzazione sul territorio italiano che svolgono attività di Ricerca e Sviluppo su commissione da parte di imprese residenti all’estero.

 

Come si accede

  • Automaticamente in fase di redazione di bilancio, indicando le spese sostenute nella dichiarazione dei redditi, nel quadro RU del modello Unico
  • Sussiste l’obbligo di documentazione contabile certificata.

 

 

 

Per approfondimenti

15 Marzo 2017 By In Blog style

 

PERCHÉ ADERIRE

La Regione Abruzzo identifica come “industria sostenibile” l’attività manifatturiera che persegua una o più delle seguenti dimensioni della sostenibilità:

        ambientale: rappresenta la capacità di preservare nel tempo le tre funzioni dell’ambiente: fornitore di risorse, ricettore di rifiuti e fonte diretta di utilità;

        economica: rappresenta la capacità di un sistema economico di generare una crescita duratura degli indicatori economici, in particolare del reddito e dell’occupazione;

        sociale: rappresenta la capacità di garantire condizioni di benessere umano (sicurezza, salute, istruzione) equamente distribuite per classi e per genere e di promuovere l’inclusione sociale.

L’industria sostenibile così definita è concepita come il motore dello sviluppo economico e sociale del territorio regionale, per cui la Regione Abruzzo ne promuove e sostiene la creazione e lo sviluppo tramite le proprie politiche, avvalendosi delle risorse finanziarie endogene (laddove disponili) ed esogene.

La Carta di Pescara offre alle imprese che intenderanno sottoscriverla un “percorso di partenariato impresa/Regione” che riconosce specifiche convenienze per le realtà imprenditoriali che si impegnano a perseguire gli obiettivi dell’industria sostenibile dianzi descritti. A fronte di questo impegno, la Regione Abruzzo identifica dei vantaggi in termini di:

        semplificazioni procedimentali;

        riduzione degli oneri amministrativi, fiscali e tributari;

        agevolazioni finanziarie;

        legislazione di sostegno.

 

Di seguito alcuni dei vantaggi per chi aderisce alla carta

  • Riduzione significativa degli oneri fideiussori dovuti a garanzia della partecipazione a procedure di evidenza pubblica e per l’esecuzione dei relativi contratti, previa costituzione di un Fondo di garanzia regionale o previa accensione di una polizza assicurativa da parte di Regione Abruzzo*;
  •             Semplificazione del procedimento con riguardo a certificazioni di tipo ambientale, economico e sociale;
  •         Applicazione di ulteriore intensità di sostegno finanziario concedibile (in base ai regolamenti comunitari) in proporzione al grado di adesione alla Carta, ferma restando la quota base dell’80% concessa ad ogni impresa*;
  •             Riduzione degli oneri di verifica e controllo periodico per le emissioni di reflui solidi, liquidi e gassosi;
  •             Sconto del 30% su oneri di urbanizzazione primaria in fase di primo insediamento delle imprese e del 50% in caso di ampliamenti nell’ambito dello stesso sito all’interno delle aree industriali*;
  •             Sconto fino al 10% su tariffe di servizi idrici, fognari e depurativi*;
  •            Eliminazione oneri dovuti dalle aziende in caso di richieste di modifica di destinazione d’uso di un lotto o di un fabbricato, affitti a terzi, volture, ecc quando anche l’azienda subentrante ha aderito alla Carta di Pescara*;
  •            Ospitare in azienda un tirocinante, nell’ambito di Garanzia Giovani Abruzzo, per 6 mesi a costo zero**;

*Percentuale in proporzione al livello di adesione.

**Solo per livello avanzato.

PER ADERIRE

Per aderire è necessario possedere almeno 1 requisito di livello base per ogni ambito di sostenibilità

La richiesta di adesione alla Carta presuppone il possesso di alcuni requisiti di ammissibilità, con priorità per l’ambientale.

A seconda della quantità e qualità dei requisiti posseduti, l’adesione alla Carta è di tipo “base”, “intermedio” o “avanzato”.

Il tipo di adesione comporta diverse intensità di vantaggio.

LIVELLO DI ADESIONE

CONDIZIONI PER ADERIRE

BASE

Possedere almeno 1 requisito base per ogni categoria di sostenibilità (ambientale, economica e sociale)

INTERMEDIO

Possedere 2 requisiti intermedi di sostenibilità ambientale + almeno 1 requisito intermedio di sostenibilità sociale ed 1 di sostenibilità economica

AVANZATO

Possedere almeno 3 requisiti avanzati di sostenibilità ambientale + almeno 1 requisito intermedio e 1 requisito avanzato di sostenibilità sociale ed economica.

 

COME ADERIRE

 

Accedere alla piattaforma telematica di Regione Abruzzo: app.regione.abruzzo.it/avvisipubblici e seguire le istruzioni a video. La domanda viene esaminata da un Nucleo di valutazione di Regione Abruzzo. Entro 30 giorni dalla presentazione della domanda, il Nucleo ne conclude l’esame. L’adesione alla Carta è valida per due anni dalla data di accoglimento della domanda.

 

 

14 Marzo 2017 By In Blog style

Workshop

Come fare sviluppo commerciale 
all'estero. Ecco il sistema.

29 Settembre 2016

Polo d'Innovazione Palm - Teramo

13 Marzo 2017 By In Blog style

Incontro organizzato dal Comune di Mosciano Sant'Angelo, in collaborazione con la Regione Abruzzo

Giovedì 16 MARZO - Ore 17:00 presso la Sala Consiliare Comune di Mosciano Sant'Angelo, sulle opportunità e le agevolazioni per le attività produttive situate nel comune di Mosciano S. A. grazie ai bandi per le zone classificate come aree di crisi non complessa.

Interverranno:
Giuliano Galiffi (Sindaco di Mosciano Sant'Angelo)
Piergiorgio Tittarelli (Dirigente Regione Abruzzo - Servizio competitività e attrazione degli investimenti)
Antonio Mancini (Segreteria tecnica Assessorato Sviluppo Economico)

Iscriviti alla mailing list

Contattaci

I nostri contatti

  • Segreteria
  • +39 344 09 60 154
  • Coordinatore
    Ing. Giammario Cauti
  • +39 335 49 28 95
  • P. IVA 01829740677

Seguici sui Social Network

Collegati con il Polo Palm attraverso le nostre piattaforme Social.

Area Riservata Soci